– Buongiorno
– Buongiorno un cazzo.
– Adoro quando sei così di buonumore. 
– Scusa, è che c’è Mercurio retrogrado.
– Chi?
– Mercurio, il pianeta, hai presente?
– Eh.
– È retrogrado.
– Cioè?
– Va all’indietro.
– E tu mi mandi a cagare perché un pianeta va all’indietro?
– Sì che poi tecnicamente non è che va all’indietro, che fa, mette la retromarcia?
– Appunto.
– L’orbita è sempre la stessa, è la prospettiva dalla terra ch…
– Ma chi se ne frega?
– Lo vedi? Sei nervoso anche tu. È Mercurio retrogrado.
– No sei tu che dici cose senza senso.
– Vuoi degli esempi?
– Vai.
– La risposta per il nuovo lavoro?
– Quello per cui avevi fatto il colloquio un mese fa?
– Sì.
– Quindi?
– Niente. Dovevano dirmi qualcosa in questi giorni. Rimandano tutto a fine mese.
– Vabbè, ma che c’entra, capita.
– E la mail dell’agenzia delle entrate che mi diceva che mi restituivano un credito?
– Un miracolo, vuoi dire.
– Finita nello spam.
– Ma cambia i filtri anti spam scusa.
– Sì, intanto stavo per buttarla e il rimborso finiva nel cesso. Ah poi l’altro giorno?
– Cosa?
– Dovevo andare a Roma per una riunione. Treno in ritardo e metro bloccata.
– Se è per questo siamo costantemente in moto retrogrado allora.
– E poi continuo a mandare messaggi ai destinatari sbagliati, come la mettiamo?
– Che sei una rincoglionita e hai sempre la testa per aria. Senza offesa, lo trovo adorabile, ma i pianeti non c’entrano.
– No no, te lo dico io. Sono sempre nervosa, non ne va una dritta, mi si è anche smagnetizzato il bancomat.
– Lo tieni vero nel porta carte di credito che ti avevo regalato?
– Certo.
– …
– Quasi sempre. 
– Ma se tu lo butti nella borsa così, sparso a caso che chissà che c’è lì dentro… come fai a infilarci le mani e non prendere malattie, dico io…
– Ehi!
– No, scusa, però anche tu…
– Sì lo so, non è colpa tua, è Mercurio in Ariete. Comunicazione e movimento insieme e finisci pe…
– No scusa, che c’entra adesso l’Ariete?
– Mercurio, sempre il pianeta, hai presente?
– Eh
– La settimana scorsa ha lasciato i Pesci ed è entrato in Ariete.
– Ma non era retro… qualcosa?
– Retrogrado. Ma non mi ascolti?
– A volte forse non dovrei, in effetti…
– Mercurio è entrato in Ariete e da una decina di giorni ha iniziato il suo primo moto retrogrado. Stiamo parlando di questo.
– Primo?
– Sì ce ne saranno altri ovviamente.
– Ovviamente. Non vedo l’ora.
– Comunque Mercurio in Ariete fa sì che la comunicazione sia più immediata, senza troppi giri di parole… Per questo sei così diretto.
– Certo.
– Oddio.
– Che c’è?
– Ma certo! 
– Cosa? Che succede adesso?
– No ma io lo faccio…
– Fai cosa?
– Vado a chiede l’aumento al mio capo, altrimenti gli dico che mi licenzio.
– Cosa??
– Sì, ho rimandato per troppo tempo, è arrivato il momento.
– Ma aspetta, ma che momento, ma che licenziarsi.
– Sai da quant’è che sono lì a galleggiare, senza prospettive, senza stimoli, niente di niente?
– Ho capito, ma aspetta un attimo, trovati un’alternativa almeno.
– Dici che Mercurio che transita da Marte potrebbe rendermi troppo polemica?
– Eh, dico.
– Forse hai ragione…
– Oh, vedi? Basta ragionare sulle cose.
– Sì in effetti il transito non aiuta la mediazione. 
– Ottimo, a posto così allora.
– Ma a posto cosa? Cosa? Che ce l’ho pure in opposizione…
– Quindi?
– Quindi è un periodo di merda.
– Vabbè dai, capita. Poi passa.
– Lo so che passa, ma io intanto che faccio?
– Che fai?
– Non lo so, lo sto chiedendo a te.
– Vino? Ci ammazziamo di canne?
– Magari per iniziare…
– Guarda che certi periodi si prendono così, un giorno alla volta. Tutto insieme sembra troppo. Troppo denso, troppo veloce, troppo lento… e invece ti fermi e fai un passo. Uno solo. 
– Sarà…
– Sai come dice un proverbio africano?
– Eh quale? Ce ne saranno tanti no? L’Africa è un continente!
– Era una domanda retorica, stavo finendo la frase…
– Scusa.. Eh, sto Mercurio retr…
– Sì sì ho capito. Comunque: sai come si mangia un elefante?
– …
– Un pezzetto alla volta.
– Io sono vegetariana. 
– È un modo dire…
– Difficoltà di comunicazione, certo, non riuscire a capirsi, c’è anche quello fra gli effetti.
– Senti ma…
– Sì…?
– Così, per capire, quant’è che dura sto coso?
– Moto, si dice moto. Per altri dieci giorni.
– Siamo a posto. Ci mancava solo Mercurio retrogrado.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *